Ca' Pesaro

Costruito per la famiglia Pesaro nella seconda metà del XVII secolo dall’architetto Baldassarre Longhena (che è anche l’architetto della chiesa della Salute e di Ca’ Rezzonico), questo palazzo tipicamente veneziano fu terminato nel 1710 da Gian Antonio Gaspari, dopo la morte di Longhena nel 1682.
Ca’ Pesaro ha conosciuto diverse attribuzioni e proprietari, fino all’acquisto da parte della famiglia Bevilacqua. Proprietà della Fondazione Bevilacqua La Masa, collezionista e mecenate, fu da essa donata alla città di Venezia nel 1898, a condizione che il luogo promuovesse gli artisti contemporanei.
Nel 1902, Ca’ Pesaro diventa Museo Nazionale d’Arte Moderna ed espone da allora le collezioni d’arte moderna della città di Venezia, arricchendosi nel corso degli anni di nuove acquisizioni e donazioni. Oltre alle sue collezioni permanenti, il museo organizza regolarmente delle mostre temporanee.
Il terzo piano, inoltre, ospita il Museo d’Arte Orientale di Venezia.

La Fondazione Musei Civici ha voluto fortemente presentare a Venezia un progetto espositivo dedicato alla figura di Gabrielle Chanel. L’itinerario di Mademoiselle Chanel è infatti uno dei più affascinanti del XX secolo e corre parallelo, talvolta con tangenze inattese, agli eventi culturali più significativi del ‘900. La mostra, brillantemente curata da Jean-Louis Froment, che da molti anni studia il percorso umano e professionale di Gabrielle Chanel, è intimamente legata all’universo creativo della grande stilista francese, letto da un punto di vista inedito, quello delle sue fonti di ispirazione, la poesia, l’arte e la letteratura. La visione che emerge è di grandissima qualità ed impatto. Attraverso lo sguardo di Coco Chanel, posato sulla pagina di un libro o su un quadro di un amico pittore, un pezzo di storia del primo ‘900 si rivela ai nostri occhi in modo originale, nuovo e a tratti sorprendente.

Gabriella Belli
Direttore Fondazione Musei Civici di Venezia

JÉRÔME SCHLOMOFF Venezia San Marco Film stenopeico 35 mm

Top